2. Terapie

Non conoscendone la causa, ma aumentando le conoscenze sui meccanismi coinvolti nella sclerosi multipla, diverse terapie sono oggi disponibili e molte altre sono in corso di sperimentazione per il trattamento sia della forma remittente recidivante che della forma progressiva.
Trattandosi di una patologia autoimmune in cui la risposta immunitaria è alterata e aggredisce il sistema nervoso, la maggior parte dei farmaci utilizzati nella sclerosi multipla si rivolgono alla correzione di queste disfunzioni con l’obiettivo di:

  • ridurre la durata e la gravità delle ricadute (corticosteroidi)
  • prevenire le ricadute e prevenire o ritardare la progressione della malattia (trattamenti che modificano la malattia)
  • ridurre l’intensità della risposta immunitaria (immunosoppressori)
  • attenuare i sintomi.

Una ampia gamma di terapie, che per brevità possiamo elencare come terapie di attacco, a lungo termine e sintomatiche, è oggi disponibile e consente ai medici di individuare, caso per caso, il trattamento più adatto ed efficace in considerazione della variabilità del decorso clinico e delle caratteristiche della singola persona, la cosiddetta terapia personalizzata. La tempestività e la scelta della terapia rappresentano la strategia migliore per prevenire danni neurologici irreversibili.
Neurologi e ricercatori spiegheranno come funzionano i farmaci approvati per la sclerosi multipla, compreso il nuovo utilizzo della cannabis medica, e quanto la ricerca stia sperimentando per disporre di terapie sempre più efficaci e sicure nel prossimo futuro.


Nella foto, in alto, da sinistra: E.M. Coccia1, M. Severa1, L. Palmisano2, F. Menniti Ippolito2
in basso: S. Pichini3, D. Centonze4, C. Gasperini5, M. Salvetti6
1. Dipartimento di Malattie infettive, ISS
2. Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione preclinica e clinica dei Farmaci, ISS
3. Centro nazionale dipendenze e doping, ISS
4. Neuromed e Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
5. Centro Sclerosi Multipla, AO San Camillo – Forlanini
6. Neuromed e Azienda Ospedaliera Sant’Andrea

Commenti chiusi